Lo Scrigno di Pinksie è un laboratorio sulle differenze realizzato con studenti di quinta elementare della Scuola Primaria Tito Speri di Milano, che nasce della collaborazione tra Pinksie e IED Milano.
Ogni scrigno racchiude i tesori di uno studente, i suoi sogni, le sue paure, la sua immaginazione. I tesori sono raccolti in una installazione interattiva in forma di acquario.
Posizionando uno scrigno sull’acquario si avvierà il contributo video-sonoro del tesoro contenuto nello scrigno.
E’ possibile accedere ai contenuti degli scrigni anche con smartphone e via web.

KEYWORDS//

Make:
Digital Fabrication

Progettare e realizzare ‘cose’; utilizzando le nuove tecnologie che abbiamo a disposizione.


Technology:
Learning by doing

Imparare ad usare le tecnologie come strumenti; per fare cose che non potrebbero essere fatte altrimenti.

Design:
Sound Video Interaction

Inventare mondi nuovi, ricchi e complessi.
Un mondo complesso ha bisogno di tanti e differenti punti di vista.

Ideas:
Multiculturalism

Imparare a dare vita ed importanza alle proprie idee; un’idea è solo l’inizio di un nuovo cammino… bisogna coltivarla, nutrirla e darle il tempo di sbocciare.

Lo scrigno contiene i materiali realizzati dai ragazzi: una loro interpretazione di Pinksie, i loro sogni, le loro paure, la loro immaginazione.
Una silouhette di Pinksie personalizzata; un passaporto con le proprie caratteristiche – il proprio tesoro; un disegno con il mondo in cui vive il loro personaggio; un’amico inventato e delle decorazioni per il proprio acquario; la voce del ragazzo che racconta che cosa ha racchiuso nello scrigno; qualsiasi altra cosa i ragazzi abbiano voluto chiudere nel loro scrigno.

Con questo progetto abbiamo scelto di riflettere sulla diversità partendo da una apparente, forzata, uguaglianza. Gli scrigni, dal di fuori, sono tutti uguali, neutri, non riconoscibili. Gli scrigni sono chiusi, sigillati; i tesori che racchiudono sono le cose più intime della persona; sono sentimenti privati, ma non per questo non condivisibili.
Crediamo che le occasioni di poter condividere emozioni forti, siano una fertile base per creare il sentimento di empatia tra le persone, condizione che ci sembra necessaria per ‘accettare’ gli altri e sé stessi.

 

 

Pinksie e IED insieme per un progetto educativo dedicato ai bambini

Uno degli aspetti più importanti della pedagogia è connesso alla creatività; tutti i bambini sono naturalmente creativi e l’educatore ha il compito di sviluppare e incoraggiare questa predisposizione.

IED Milano condivide questo tipo di approccio formativo che predispone allo sviluppo consapevole dell’ingegno e della fantasia e per questo, in collaborazione con Pinksie, si pone l’obiettivo di insegnare ai bambini il valore della diversità attraverso l’arte e la creatività.

Pinksie è un progetto educativo internazionale nato a Londra nel 2012 che coinvolge ogni anno scuole, artisti, gallerie e musei in laboratori creativi, mostre, aste, pubbliche letture, concerti che hanno il vantaggio di raccogliere fondi per bambini in difficoltà e per sostenere la gratuità dei progetti educativi e artistici.


IED Milano quest’anno ha preso parte al progetto e, grazie al contributo di docenti e artisti dei corsi di illustrazione, video, sound, moda, design, ha realizzato laboratori creativi in 4 scuole primarie pubbliche di Milano.

Gli artisti, insieme ai bambini, hanno prodotto opere d’arte ispirate al tema della collana di libri Pinksie The Whale: una balena rosa che va alla ricerca di avventure magiche per vincere la paura della diversità.

PHOTO ©2016 Paolo Carlini & ©isottagiuliamartaniph